Virus

Davvero pretendono 1000 miliardi per “salvare” gli oceani?

CHI HA COMMISSIONATO E PAGATO QUESTI STUDI??

21 MAR – Il conto da pagare ai cambiamenti climatici nel 2100 potrebbe arrivare, solo per i danni causati agli oceani, alla cifra astronomica di 2 mila miliardi di dollari(1,5 mila miliardi di euro).

Il calcolo è in un rapporto pubblicato dallo Stockholm Environment Institute, secondo cui agendo subito si potrebbe risparmiare più di metà di questa cifra, che rappresenterà lo 0,37% del Pil mondiale.

I ricercatori svedesi hanno fatto la stima tenendo conto degli effetti di un aumento di 4 gradi delle temperature medie del pianeta (Leggi Benvenuti nell’era glaciale ndr), e cercando di calcolare i danni alla fauna da fenomeni come l’acidificazione e la perdita di ossigeno degli oceani (Leggi 2,1 miliardi di dollari per la protezione degli oceani ndr), ma anche quelli provocati alle comunità costiere dall’aumento del livello del mare e dalla maggiore intensità di uragani e tempeste.

La proiezione dà un conto economico di 428 miliardi di dollari l’anno al 2050, corrispondenti allo 0,25% del Pil mondiale, che crescerà fino a quasi 2 mila alla fine di questo secolo. Se invece l’aumento della temperatura sarà contenuto entro i 2 gradi con azioni immediate i danni saranno di 105 miliardi nel 2050 che cresceranno fino a 612: “Queste cifre sono solo una parte della vicenda, ma offrono una buona indicazione del prezzo dei danni ambientali futuri all’oceano – concludo Frank Ackerman, direttore dell’istituto – laddove il costo dell’inazione cresce molto con il tempo, un fattore che deve ancora essere pienamente riconosciuto”.

http://www.ansa.it/mare/notizie/rubriche/inlavorazione/2012/03/21/visualizza_new.html_154967376.html

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *