Virus

L’assassinio del dott. Joerg Haider

L’uomo contro l’Europa delle Banche

L’assassinio del dott. Joerg Haider sembra indicare un innalzamento del livello di scontro tra l’Europa e i poteri forti mondiali.
Il tenore del messaggio è stato chiaro, alla vigilia della riunione dell’”eurogruppo”: i governi europei non possono fare a meno di sottomettersi al dovere di finanziare Wall Street e l’apparato angloamericano indebitato oltre ogni misura a causa della dissennata “finanziarizzazione”. E salvare il dollaro USA, ovviamente.

Vengono spietatamente soppressi coloro che si oppongono al progetto di globalizzazione (leggi americanizzazione) pianificato da una setta di pazzi paranoici, in attesa degli extraterrestri e pure ambiziosi di controllare il tempo meteorologico (schie chimiche?) (1) . Vittime sono già state Pim Fortuyn, l’”Haider di Rotterdam”, e Milosevic. Per quest’ultimo avevano anche ideato una ridicola entità chiamata tribunale penale internazionele dell’Aia.

Come il Fondo Monetario Internazionale, la “Banca Mondiale”, la Trilaterale, il misteriosissimo Svalbard Global Seed Vault (2) organizzazioni di cui nessuno sa l’origine né chi le controlli veramente, ma che ottengono cieca obbedienza dai governi di tutto il mondo. Poiché non riuscivano a dimostrare nulla contro il leader serbo, lo hanno dovuto eliminare. Così il movimento di Haider si era ripreso alle recenti elezioni, poteva dare fastidio se gli austriaci col tempo avessero capito in massa quale è il progetto per l’Austria e l’Europa intera.

Il partito di Haider (FPO) ebbe un exploit nel ’99. In quall’anno Hollywood stava producendo il film Mission Impossible II, uscito poi nel 2000. Nel ruolo del “cattivissimo” antagonista di Tom Cruise, l’attore Dougray Scott, fu intenzionalmente fatto assomigliare al politico austriaco. Tecnica psicologica subliminare usatissima dai poteri forti.

 

E’ l’Europa della moneta unica con i suoi popoli, tradizioni, millenni di storia e solidarietà sociale (i Comuni) che fa paura. La Cina è l’india stanno divenendo potenze economiche ma culturalmente sono totalmente sottomesse dell’America. Del grottesco modello basato sulla “tolleranza” di una società in verità “multirazzista”, spersonalizzata in cui i centri di aggregazione sono i supermercati (!), le scuole sono luoghi boccacceschi, la televisione come sonnifero per la ragione.

Le “piccole patrie” (nel senso di M. Fini) sono additate come il “nazismo” del 21esimo secolo da estirpare in ogni modo sterminando quegli uomini politici coraggiosi che pure a stento riescono a coagulare una resistenza democratica e popolare.
Badate che la crisi finanziaria“globale” è quasi tutta anglosassone. Perché è in quel mondo in cui esiste, da un lato, un’esiziale propensione al’acquisto a credito, dai libri alle abitazioni e, dall’altro, la tendenza ad investire i risparmi in borsa e prodotti “derivati”. L’Europa continentale è assolutamente più equilibrata verso i titoli a reddito fisso, come i titoli di stato, e la bolla immobiliare, per adesso è scoppiata solo in Spagna.
E nonostante ciò il Banco di Santander sta per acquisire la barcollante banca americana Sovereign.

Dopo che per un decennio hanno spalmato il debito per tutto il pianeta, adesso sostengono che è tutto il mondo ad avere un problema da sanare con i denari “globali”. Non ci sarebbe alcuna ragione che a pagare sia il mondo intero come fatto osservare dal ministro tedesco delle finanze Peer Steinbrueck. Si tratta di un’immensa frode per salvare i ricchi che i soldi li hanno in banca. I poveri (per definizione!) non avendo soldi non hanno nulla da perdere se falliscono gli istituti di credito, e i detentori dei mutui, bellamente hanno tutto da guadagnare se la bisca finanziaria dovesse fare naufragio.

A questo è servito l’omicidio di Joerg Haider.
Egli aveva di recente tuonato contro le banche criminali: a persuadere i politici europei a non scucire i soldi per un collasso d’oltreoceano. Poichè questo per l’Europa comporterà pesantissimi tagli all’istruzione PUBBLICA, alla sanità PUBBLICA, al sistema previdenziale PUBBLICO e trasporti PUBBLICI, nuove “privatizzazioni” naturalmente “benedette” dalle banche centrali.

Facile percepire che l’uccisione del leader del FPO è stato un piano premeditato. Mentre andava a trovare sua madre 90enne, quindi una strada che faceva spesso, un percorso su cui gli attentatori potevano “lavorare”. Anche il giudice Paolo Borsellino fu ammazzato mentre si recava dall’anziana madre come dovere di ogni decoroso figlio.

Le agenzie di stampa non hanno detto se è stato fatto andare fuori strada ma che andava al doppio della velocità consentita. Lo stesso ragionamento per cui non sono loro che ci riempiono di immigrati, siamo noi “intolleranti”. Da aggiungere, chi ha un minimo di dimestichezza con gli incidenti stradali sa che, specie nei sinistri senza testimoni, si può dimostrare tutto e il contrario di tutto.
Figuriamoci per gli specialisti in “morti accidentali”. La misteriosa auto con un’altrettanto fugace donna sono probabilmente state la “centrale di controllo” che ha gestito l’incidente. Dopo essersi fermata ed accertato che lo scopo era stato raggiunto, ripulendo la scena del delitto da qualche marchingegno, ha chiamato il “118”. Può voler dire che questo piano è stato ben supportato da elementi in alto allo stato austriaco o perfino al suo stesso partito.

Anche farlo passare per “ubriacone” rappresenta il marchio di fabbrica dei cospiratori sionisti.
In primo luogo non è scritto da nessuna parte che uno che ha bevuto debba ammazzarsi in un incidente stradale.
In secondo luogo, era ubriaco poi?
Tutti sanno che è IMPOSSIBILE stabilire con certezza il tasso alcolimetrico in una persona morta da ore, o addirittura da giorni, a causa delle continue e repentine trasformazioni chimiche che avvengono nel sangue di un cadavere. La cosa fu ben evidenziata nel famoso incidente nel quale morì lady Diana, in cui tuttora non si è riusciti a stabilire se l’autista Henry Paul fosse ubriaco o meno al momento dello schianto.

Significativamente è subito comparso un articolo che sembrava tranquillamente essere stato scritto per tempo, che auspicava una riunione delle destre austriache dopo Haider. Nel segno assai conosciuto del bipartitismo fantoccio americano. Articolo che pareva scritto dai medesimi che da noi hanno incensato la creazione dei due partiti unici italioti, PD e PDL. Secondo voi, quanti iscritti ad AN o DS, Forza italia o Margherita erano favorevoli alla fusione con altre entità politiche?

Altro metodo in voga di fabbricazione delle “morti naturali” è quella dell’attacco cardiaco. Facilmente inducibile tramite una sostanza chiamata Digitalina la quale ha anche il buon gusto di non lasciare traccia alcuna.
Questo sistema si addice particolarmente ai galeotti che difficilmente si spostano in auto.
Con questa tecnica è stato probabilmente eliminato Slobodan Milosevic.
Altra opzione, più “soft”, di sopprimere gli avversari è di fare venire loro un tumore.
Indurre un cancro in una persona è facilissimo. Basta, ad esempio, esporre il soggetto a contatto prolungato con una forte radioattività la quale è assolutamente inavvertibile. Sicché nessuno si sogna di passare al contatore Geiger tutto il cibo che ingoia, ogni vestito che indossa o la macchina che guida. Questo sistema viene sovente impiegato contro giornalisti, divulgatori e uomini di spettacolo per “ammorbidirne” la prosa attraverso la malattia.

Doveva essere tolto di mezzo anche Umberto Bossi ma Lucifero non emise il suo afflato di morte nonostante la Cabala, i rigorosi precetti talmudici fossero stati minuziosamente eseguiti.
Il leader della Lega Nord fu colpito da ictus alla stessa ora del medesimo giorno degli attentati “islamici” in Spagna (11 marzo 2004, TRE, SETTE, UNDICI, TREDICI e i loro reciproci multipli, tenete a mente questi numeri).
La notizia degli “attentati” madrileni di Al Qaeda avrebbe oscurato quella della morte di Bossi, così come le ultime sul “meltdown” finanziario quella di Haider, come è putualmente avvenuto. E Bossi sarebbe stato fatto passare per “puttaniere”, da “ubriacone” lui lo avevano già marchiato.
Il “Senatur”, da uomo intelligente qual è, ha dimostrato di avere capito l’antifona. Nella recente intervista alle “Iene”, per citare, ben due volte ha risposto di essersi “TRANQUILLIZZATO”, “PIÙ RAGIONEVOLE” dopo la malattia (3). Forse un messaggio a quelli che lo volevano fare fuori.

Fuori dal “vecchio continente” c’è il problema del dollaro e del petrolio.
Quando, una ventina di anni fa, Gheddafi inizio a parlare di commerciare il petrolio libico in marchi tedeschi fu oggetto di un feroce ostracismo internazionale (come l’Austria di Haider) culminato col famoso bombardamento americano, atto ad ucciderlo, a cui scampò per miracolo.

Una decina di anni or sono Saddam Hussein ventilò la possibilità di usare il neonato Euro come moneta di riferimento per la valutazione del barile di petrolio irakeno. Sapete com’è andata a finire, anzi come non è finita purtroppo ancora per il popolo irakeno.
Recentemente il presidente del’Iran ha attivato una borsa petrolifera in euro.
Potete anche qui immaginare il finale del film. Ma stavolta saranno gli europei a imbarcarsi per l’avventura militare iraniana sicchè gli USA stanno affondando ed a breve non avranno più le risorse per reggere il moccolo alle guerre giudaiche.

Il presidente Chavez del Venezuela, paese ricchissimo di petrolio, ha più volte affermato che gli americani hanno attentato alla sua vita. Col risultato di fasrsi dare del “matto”; troppo di sinistra per smerciarlo come “nuovo Hitler” come Haider o Mahmud Ahmadinejad.

Perché alla fine, se ben guardiamo, la finanza mondiale di poche centinaia di ultramiliardari, che a noi straccioni chiedono di scampare, è in mano ad ebrei, e le infinite guerre mediorientali sono per salvare Israele la cui esistenza è smisuratamente legata all’ intervento militare esterno essendo un paese troppo piccolo per fronteggiare da solo le centinaia di milioni di arabi rabbiosi che lo circondano.

Tuttavia, l’”operazione Haider” suona come un deliberato aumento della velocità del programma.
La qual cosa fa ritenere che la crisi globale sia assai più grave di quello che già sembra. Gli eventi precipitano, serve quindi una “accelerazione dell’agenda” (parole testuali di Tremonti) verso la distruzione dell’Europa, facendo piazza pulita dalla Resistenza dei Popoli ancora degni di questo nome.

F. Maurizio Blondet

I ) http://nz.youtube.com/watch?v=V7FVjATcqvc&feature=related
2 ) http://en.wikipedia.org/wiki/Svalbard_Global_Seed_Vault
3 ) http://www.video.mediaset.it/video.html?sito=iene&data=2008/09/30&id=4909&categoria=puntata&from=email

di falso Maurizio Blondet

http://falsoblondet.blogspot.com/

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *