Virus

Clio Napolitano a Naomi Campbell: brutta negra

Non basta essere moglie di un presidente della repubblica per improvvisarsi “signora”: chi non lo è, non lo diventerà mai, come Clio Napolitano, appunto!

Nessuna replica dal Quirinale, alle dichiarazioni – choc degli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana,  ospiti alle ‘Invasioni barbariche’ di Daria Bignardi su La 7, si sono lasciati andare a rivelazioni a dir poco imbarazzanti sulla signora Clio Napolitano.

Clio Napolitano a Naomi Campbell: "brutta negra"

Scenario, una estate a Stromboli (non è chiaro di quale anno). Gabbana racconta: “Lei (la signora Clio ndr) ha fatto una figuraccia. Noi eravamo in terrazzo dopo pranzo. Alle tre di pomeriggio, eravamo in quindici, si ascoltava un po’ di musica. A un certo punto vediamo questa specie di spettro che esce da una finestra…. Questa signora anziana e scompigliata esce dicendo che eravamo dei delinquenti, disgraziati, farabutti. Con noi c’era Naomi Campbell e lei dice ‘quella brutta negra’. Allora io le ho detto: guardi signora, lei può essere mia nonna ma non la voglio insultare”.

Poi lo stilista presegue raccontando di altri scambi di battute in cui la attuale first lady minacciò di rivolgersi ai carabinieri.

Che però, a detta di Dolce e Gabbana, una volta interpellati hanno fatto fatto chiaramente capire come la signora Napolitano fosse già conosciuta come persona assai poco tollerante di qualsiasi tipo di rumori molesti, e che per questo avesse già chiamato in causa più volte le forze dell’ordine.

Quindi è svelato il mistero. Con chi ce l’ha Napolitano quando parla di ”RETORICA XENOFOBA”? Ovviamente CE L’HA CON SUA MOGLIE CHE CHIAMO’ NAOMI CAMPBELL “BRUTTA NEGRA”

 

 

2 comments

  1. xxx /

    Ma come mai dare della scimmia ad una persona nera è razzismo, mentre dare del nano ad uno basso, non lo è?
    Non c’era una tempo una parte del parlamento che si schierava a difesa delle categorie deboli? E psiconano? Sarebbero contenti tutti i malati di mente…
    e “mignotta”?!? In una società di atei, ladri, bigotti e cocainomani, una nel 2013, deve chiedere il permesso per gestire se stessa?
    Però quando Luxuria si è presentato/a in parlamento, mi pare che sia stato/a ben accolto/a…eppure si prostituiva per pagarsi l’affitto.
    I soliti due pesi e due misure…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *